Pit Stop

Blog

La vera convenienza di affidarsi a dei professionisti per il lavaggio della tua auto

A danneggiare l’auto irreparabilmente ci vuole un attimo.

Molti si improvvisano del mestiere e pensano che lavare auto, lucidare carrozzeria, sanificare interni ecc siano cose che possono fare tutti.

Vi assicuro che qui ai nostri box sono arrivate diverse persone che hanno rigato la propria auto involontariamente, anche con la semplice fibbia della cintura; infatti, ogni settimana trattiamo auto rovinate dalle stesse mani dei proprietari o dei loro familiari.

Vi racconto una storia.
Giovanna era solita riempire un secchio col sapone, spruzzare l’auto con l’acqua, presa dalla pompa del giardino, e trascorrere un paio d’ore a lavare l’esterno della vettura lucidando la carrozzeria e i fari grazie a un canovaccio.

E così, in poche ore, il veicolo appariva come nuovo, Giovanna si sentiva soddisfatta del suo lavoro.

Ma un giorno qualcosa andò storto, Giovanna aveva fretta, inizio a insaponare la macchina senza aver prima sciacquato l’auto.

Inconsapevolmente, Giovanna, non stava facendo altro che strofinare la sporcizia sulla carrozzeria con un effetto abrasivo.

Purtroppo, anche nella fase di asciugatura, stava per commettere un grosso errore.

Quel giorno, pensando che era una bella giornata, aveva lasciato l’auto fuori: “tanto, si sarebbe asciugata da sola” si diceva. Quest’ultima non avrebbe mai immaginato che nell’ auto si sarebbero formate nel giro di poche ore, tante macchie di calcare, difficili poi da eliminare.

L’indomani, il marito alle prime luci del giorno, capì che qualcosa era andato storto. La carrozzeria dell’auto era stata visibilmente danneggiata.

“Il danno ormai è fatto” pensava il marito!
Ed effettivamente aveva ragione.

Vi ho voluto raccontare questa storia per dirvi che chi si occupa qui da Pit Stop del lavaggio è un gruppo di veri professionisti che hanno le loro tecniche, strumenti e prodotti adeguati per effettuare qualsiasi tipo di trattamento alla tua auto.

Per fortuna, oggigiorno, sempre più persone stanno abbandonando l’idea di lavare l’auto da soli e solo questo è il modo per evitare danni irreparabili alla carrozzeria!

Hai dubbi? Curiosità? Informazioni da chiedere?
Contattaci o vienici a trovare in CONTRADA COFFA Sp7 Km7 CHIARAMONTE – COMISO.

Quando i pneumatici di seconda mano NON sono un vero affare?

Devi sapere che gli pneumatici usati non sono soggetti a nessun tipo di standard legale e il processo di raccolta, ispezione e reinserimento delle gomme usate sul mercato è abbastanza “variegato”.

Da Pit Stop trovi esperti attenti che ispezionano attentamente il prodotto per assicurarsi che sia sicuro.

Molti altri gommisti non sono così attenti, danno un occhio solo al battistrada della gomma.

Proprio perché molti di voi (probabilmente) non lo sapranno, vi elenchiamo qui sotto che tipologia di pneumatici di seconda mano NON sono proprio un vero affare:

– Pneumatici con battistrada inferiore a 1.6 mm,
– Pneumatici con bolle o rigonfiamenti che evidenziano la separazione del cordone o del battistrada dal rivestimento o da altro materiale adiacente.
– Pneumatici che hanno tele o altro materiale della carcassa esposti.
– Pneumatici che hanno una riparazione troppo grande della gomma nella spalla, nella zona esposta del battistrada o nella zona del tallone.
– Pneumatici che hanno una puntura che non è stata sigillata o rappezzata all’interno con uno stelo o un tappo in gomma polimerizzata che si estende fino alla superficie esterna.
– Pneumatici che non mostrano chiaramente il numero di identificazione dello pneumatico (DOT).
– Pneumatici con una precedente foratura più grande di 6mm.

Se stai quindi per acquistare uno pneumatico usato, fai tutte le dovute verifiche! Noi lo diciamo per te e la tua sicurezza che ci sta a cuore!

Quando acquisti uno pneumatico di seconda mano da noi, puoi star certo che i controlli che abbiamo elencato sopra, sono stati già fatti.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni in merito a questo argomento, contattaci!
Saremo lieti di dartele e di risolvere qualsiasi dubbio o curiosità.

Chiamaci allo 0932 922676

Dimezza i costi della manutenzione della tua auto, fai così…

Come già saprai, mantenere in buone condizioni un’auto è veramente difficile.

Ecco perché in questo articolo ti illustriamo alcuni trucchi per ridurre i costi della manutenzione della tua auto. Continua a leggere!

Il risparmio deve cominciare già dal momento dell’acquisto.
Cercate un auto che sia conforme al vostro stile di vita, evitando gli sprechi.

Anche se questo sembra essere un consiglio abbastanza scontato, spesso è facilissimo cadere in errore.

Una delle voci più nascoste, ma anche più onerose è sicuramente la normale manutenzione.

Esistono alcuni accorgimenti che possono farti risparmiare un bel po’ di quattrini.

Tanto per cominciare, sarebbe utile guidare con prudenza.

Non è solo un consiglio sulla sicurezza, ma anche una tutela per il tuo portafogli visto che guidare in maniera troppo aggressiva usura più in fretta il veicolo.

Un consiglio spassionato è quello di fare un lavaggio professionale una volta a mese, questo vi permetterà di risparmiare parecchi soldi.

Un lavaggio professionale ha il gran vantaggio di durare nel tempo.

Anche se comprate i prodotti giusti e ci mettete la vostra buona volontà non potrete mai pulire l’auto come farebbe uno che lo fa di professione.

C’è un’altra cosa che dovete fare ogni 30 giorni: controllo pressione pneumatici!
Tenete gli pneumatici sempre gonfi, dato che le gomme sgonfie consumano più carburante e si deteriorano prima.

Un altro consiglio che vi diamo è di cambiare i tergicristalli regolarmente.
I tergicristalli vecchi e danneggiati rischiano di raschiare il parabrezza e danneggiarlo.

Ultimo consiglio: acquista pneumatici nuovi periodicamente.

Se pensi di risparmiare acquistando pneumatici nuovi solo quando è strettamente necessario, stai sbagliando!

Devi pensare a questo: pagherai molto di più in caso di sinistro se i tuoi pneumatici non sono stati sostituiti nel momento esatto in cui dovevi cambiarli.

Questi che ti abbiamo appena elencati sono i nostri consigli per ridurre i costi della manutenzione della tua auto, se li hai trovati utili condividi l’articolo!

Manutenzione pneumatici: 10 consigli essenziali

Non sempre viene attribuito agli pneumatici il giusto riconoscimento nell’ambito della sicurezza stradale.

Eppure, se ci pensi un attimo, gli pneumatici rappresentano l’unico punto di contatto tra un veicolo e la strada, preservarne l’efficienza è essenziale.

Abbiamo stilato una lista con 10 consigli essenziali per la manutenzione degli pneumatici qui di seguito, buona lettura.

1. Rotazione pneumatici

Procedere allo scambio degli pneumatici tra gli assi rende uniforme il loro consumo e, di conseguenza, ne garantisce un comportamento più equilibrato, a tutto vantaggio della sicurezza. Questa operazione dovrebbe essere effettuata ad intervalli regolari. Gli pneumatici anteriori hanno la tendenza a consumarsi molto più velocemente. Qualora si proceda alla loro sostituzione, senza cambiare le altre gomme, è consigliato montare il nuovo set al retrotreno, spostando le posteriori all’avantreno. Così facendo la vettura risulterà più stabile.

2. Equilibratura pneumatici

L’equilibratura degli pneumatici è un’operazione volta ad evitare fenomeni di usura precoce. Allo stesso tempo elimina possibili vibrazioni e fornisce un’adeguata protezione a sospensioni, cuscinetti e sistema di sterzo. Normalmente questo intervento di manutenzione degli pneumatici viene eseguito nel momento in cui si decide di andare a sostituire uno pneumatico. Uno pneumatico non bilanciato presenta un’area più pesante rispetto alle altre, provocando un’usura irregolare e precoce, e sollecitando maggiormente l’avantreno.

3. Convergenza pneumatici

Quando la geometria delle sospensioni non risulta corretta, il rischio è di vedere pregiudicata la tenuta di strada. Il mancato allineamento potrebbe essere la conseguenza di un contatto delle gomme con un marciapiede, o con una buca piuttosto profonda. Anche un’usura irregolare degli pneumatici può rappresentare il risultato di un allineamento errato. Per verificare il corretto allineamento è sufficiente scegliere un rettilineo pianeggiante poco trafficato, e lasciare per pochi secondi il volante. Se la vettura tende a spostarsi verso i lati della carreggiata, meglio optare per l’intervento di un gommista.

4. Pressione gomme

Tra gli interventi di manutenzione degli pneumatici non può essere sottovalutata l’importanza del controllo della pressione, che si può facilmente misurare con il sensore pressione, se lo avete. Un veicolo con gomme gonfiate correttamente è meno soggetto a una possibile perdita di controllo. Inoltre, viaggiare con degli pneumatici a bassa pressione ha come conseguenza un maggior consumo di carburante. Il controllo dovrebbe aver luogo almeno una volta ogni 30 giorni, e prima di partire per un lungo viaggio. Ogni modello di auto richiede una determinata pressione delle gomme; è possibile leggere l’indicazione relativa sul manuale d’uso, ma anche sull’etichetta della portiera o all’interno dello sportellino del carburante.

Se vuoi allungare la vita dei tuoi pneumatici segui questi consigli!

Se ti fermi ai nostri box, penseremo a tutto noi!

Ci trovi in Contrata Coffa Sp7 Km7 (Chiaramonte – Comiso).

Svelato il trattamento che è come una tela protettiva sulla tua carrozzeria

Hai comprato un’auto nuova (e fiammante) e ti sei ripromesso che questa è la volta buona per tenerla sempre pulita e in perfetto ordine?

Oppure, vuoi coccolare la tua auto, fedele compagna di sempre?

In entrambi i casi è giunto il momento di svelarti qual è l’unico trattamento che è come una tela protettiva sulla tua carrozzeria!

È una rivoluzionaria tecnica lucidante chiamata polish.

Grazie a questa tecnica potrai lucidare la tua auto, proteggerla realmente dalle intemperie e donarle un aspetto magnifico (finalmente!).

Il polish non è un prodotto, ci teniamo a a specificarlo!

Il polish è un trattamento che viene effettuato dal nostro personale specializzato che utilizza solo strumenti e prodotti adatti.

Grazie a questo trattamento avrai una pulizia precisa e totale con una tecnica innovativa.

Il prezzo?

Il prezzo è veramente irrisorio rispetto ai mille benefici di questo trattamento!

Solitamente il suo costo è di 15€ ma in questo momento da Pit Stop puoi usufruire della promo e pagare solo 10€.

Prova il polish!

Vieni a trovarci in Contrata Coffa Sp7 Km7 (Chiaramonte – Comiso).

UNO PNEUMATICO LOW COST È PIÙ CONVENIENTE DI UNO PREMIUM?

L’eterno dilemma di chi deve cambiare gomme!

Uno pneumatico low cost non sempre è più conveniente di uno premium, anzi, non lo è quasi mai!

La maggior parte dei pneumatici low cost hanno buone probabilità di usurarsi più rapidamente.

Gli pneumatici a buon mercato sono meno tecnologici rispetto ai premium. Ciò significa che la mescola, la struttura e il battistrada non sempre sono studiati per resistere all’usura.

Se dureranno meno, dovrete riacquistare le gomme prima e sostenere nuovamente la spesa per il servizio di montaggio ed equilibratura.

Le differenze di durata tra pneumatici possono anche superare il 40%. I produttori non comunicano mai la resa chilometrica di uno pneumatico… quindi che fare?

Affidarsi a qualcuno che con la sua esperienza può darvi delle indicazioni che si riveleranno preziosissima per la scelta dei nuovi pneumatici.

Se chiedete a me cosa ne penso, vi dico subito che l’efficienza energetica degli pneumatici low cost è peggiore rispetto ai premium.

Ciò significa che consumerete più benzina viaggiando con pneumatici a buon mercato.

Tecnicamente si dice che più bassa è la resistenza al rotolamento, minore sarà il consumo di carburante.

Ti faccio uno schema semplice semplice…

Adesso hai capito perché dovresti sempre preferire la linea premium a quella low cost?

Vieni a trovarmi ai miei box, ti sarò suggerire in base alle tue esigenze gli pneumatici con la migliore qualità prezzo grazie alla mia vasta selezione.

Cambio gomme estive: tutto quello che c’è da sapere e anche di più

Non tutti lo sanno ma il 15 maggio 2019 scade il periodo di tolleranza previsto dalla legge per cambiare le gomme invernali e sostituirle con quelle estive.
Dire che è il momento quindi di trovare risposta a tutte le domande, i dubbi e le perplessità che avete, e di pensare anche a come risparmiare!
Iniziamo con la domanda più frequente:

È obbligatorio cambiare le gomme prima dell’estate?

Attenzione! La Direttiva del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 16 Gennaio 2013 impone che se l’Ente proprietario o gestore della strada lo richiede, l’automobilista si deve adeguare alla normativa, munendo il proprio veicolo di mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve e su ghiaccio. Questa stessa direttiva ministeriale permette di adottare pneumatici invernali mantenendo una velocità più bassa (160 km/h) rispetto a quella indicata sul libretto di circolazione nel periodo compreso tra il 15 Ottobre e il 15 Maggio. In questo modo, avete tempo fino al 15 maggio 2019 per cambiare le gomme invernali.

Chi è esente dall’obbligo di cambio gomme?

Ci sono solo due eccezioni:
  1. L’obbligo non vale per chi monta un set di gomme 4 stagioni.
  2. Se le vostre gomme hanno un indice di velocità uguale o superiore a quello indicato dalla carta di circolazione, allora potete utilizzarle tutto l’anno. Riconoscere l’indice di velocità è facilissimo: è una lettera seguita da un numero in genere presente sulla spalla della gomma (il numero indica la velocità massima alla quale è possibile viaggiare).

Ci sono sanzioni?

Sì! L’obbligo deve essere rispettato, altrimenti si incorre in sanzioni amministrative che partono da un minimo di 422€ e arrivano a un massimo di 1682€ euro e ritiro del libretto di circolazione.

Che differenze ci sono tra uno pneumatico estivo e uno invernale?

La principale differenza consiste nei tasselli che nelle gomme estive sono pieni a differenza degli pneumatici invernali (i sottili intagli infatti permettono di catturare la neve ). In più, gli estivi sono dotati di scanalature longitudinali che permettono di fronteggiare meglio l’asfalto bagnato e il rischio di aquaplaning. Infine, la mescola delle gomme è diversa.

Che vantaggi ci sono a montare gli pneumatici estivi?

Risparmio e prestazioni! Non incorrendo infatti nel surriscaldamento, gli pneumatici estivi hanno prestazioni decisamente migliori in estate e quindi un minor consumo di carburante. Aumenta, inoltre, anche la sicurezza: ricordiamo che più fa caldo e più gli pneumatici invernali si degradono e si rovinano.
Adesso che sai proprio tutto sul cambio degli pneumatici estivi non ti resta che farlo prima che sia troppo tardi.
Da Pit Stop hai la possibilità di farlo fermandoti ai nostri box.
Chiamaci per ricevere maggiori informazioni al 335 718 5338 o vieni a trovarci in Contrada Coffa Sp7 Km7 Chiaramonte-Comiso.

Com’è iniziato tutto?

Me lo sono chiesto diverse volte, la verità è che prima d’ora non ci avevo riflettuto veramente ero troppo impegnato con il lavoro ma quando ho avuto un attimo per sedermi e pensare, sono emersi ricordi e aneddoti di come è nato Pit Stop.

Era il 2000 quando ho iniziato a lavorare con mio padre.

Dopo pochi anni ho capito che il mio compito é anche quello di ascoltare i clienti, capirne le esigenze e, molto spesso, mettermi nei loro panni.

Io per primo, amo le macchine per quello che rappresentano: la libertà di poter viaggiare e andare in qualsiasi luogo, la bellezza di vedere dal finestrino il panorama e la possibilità di raggiungere qualsiasi posto più velocemente.

Ecco perché ho iniziato a pensare alle abitudini degli automobilisti, ma anche alle mie di abitudini.

Sveglia presto al mattino e subito in macchina per raggiungere il posto di lavoro.
Zero tempo per controllare le condizioni del mio veicolo.

Più ci pensavo e più mi immaginavo un posto in cui non dovevi fare ping pong tra le varie officine, autolavaggi e chi più ne ha, ne metta. Pensavo ad un luogo o meglio ad una sorta di “pit stop” su strada dove fermarmi e poter prendermi cura in poco tempo della mia auto: farla lavarle se necessario o lavarla io stesso, controllare le gomme, fare la convergenza e tantissime altre operazioni che mai avrei potuto fare in un paio d’ore.

Piuttosto, perdevo giornate intere recandomi prima in officina, poi all’autolavaggio e poi ancora a fare benzina.

Avevo la necessità di avere un unico posto dove poter usufruire di tutti i servizi: dal lavaggio, al cambio gomme, all’equilibratura e convergenza. Sapevo che non ero l’unico a pensarla così, anche i miei clienti mi confessavano che per loro era molto frustrante dover spostarsi da un posto all’altro per prendersi cura della propria auto.

Insomma, un luogo dove ricevere assistenza a 360 gradi per quel che riguarda la manutenzione dell’auto.

Pit Stop è nato così da questa necessità, da questa esigenza prima mia e poi di molti clienti automobilisti di avere tutto a portata di mano in unico box.

Per esempio, non molto tempo fa, smontare gli pneumatici agricoli era un’operazione manuale nelle nostre zone! Per questo motivo ho acquistato uno smontagomme.

Oggi Pit Stop è un vero punto di riferimento per gli automobilisti della provincia di Ragusa che vogliono in poco tempo prendersi cura della propria auto.

ULTIMA CHIAMATA CAMBIO GOMME INVERNALI

Tutte le novità, le scadenze e le norme che dovresti conoscere per il cambio gomme invernali.

Come ogni anno l’avvento della stagione invernale porta con se l’obbligo di adeguare le propria vettura alle mutate condizioni climatiche.

Cosa dice la normativa ?

La normativa che introduce l’obbligo di montare gomme invernali sulle auto e sui mezzi pesanti è disciplinata dall’articolo 6 del Codice della Strada introdotto dalla legge n.120 del 20 Luglio 2010, spetta agli enti che gestiscono le singole tratte decidere se imporre o meno l’obbligo, segnalato attraverso il Segnale di Catene da Neve Obbligatorie (a partire dal punto di impianto del segnale, parte l’obbligo di circolare con catene da neve o con pneumatici da neve).

In generale dal 15 novembre 2019 fino al 15 aprile 2020 vige l’obbligo di obbligo di essere “muniti ovvero di avere a bordo mezzi antisdrucciolevoli o pneumatici invernali idonei alla marcia su neve o su ghiaccio”.

Secondo quanto riportato in una direttiva emanata dal Ministero dei Trasporti, è prevista una deroga che permette l’installazione da un mese prima dall’entrata in vigore dell’obbligo (quindi dal 15 ottobre) e la disinstallazione entro un mese dopo la conclusione (quindi il 15 maggio).

Chi ha l’obbligo dei pneumatici invernali?

Per i veicoli a quattro ruote, incluse le auto, i tir e i mezzi pesanti.

Cosa ti succede se non ti adegui?

Citiamo testualmente:

Chiunque, dal 15 novembre 2018, circolerà senza gomme termiche (o catene a bordo) sulle strade dove è previsto l’obbligo, potrebbe incappare in una sanzione amministrativa anche salata.

Nei centri abitati la sanzione minima è di 41€, fino ad arrivare a 168€!

Fuori dai centri abitati invece, su autostrada o strada extraurbana principale o assimilate, la multa minima è di 84 € per arrivare fino a 335 €!

In caso di accertamento delle suddette violazioni, viene intimato al conducente, ai sensi dell’articolo 192 commi 3 e 6, di fermarsi oppure di proseguire la marcia solo dopo aver dotato il veicolo di mezzi antisdrucciolevoli. Quando non viene rispettato l’ordine è prevista una sanzione pecuniaria di 84 euro e la decurtazione di 3 punti dalla patente di guida.

Ti ricordiamo che…

l’utilizzo di un sistema adeguato alle condizioni climatiche non è necessario solo per evitare sanzioni pecuniare ma, soprattutto per la tua sicurezza!

In virtù di una mescola speciale, tasselli con incavi più profondi e lamelle poste sul battistrada che permettono una migliore aderenza al manto stradale (che si traduce in spazi di frenata ridotti ovvero in una maggiore sicurezza) .

I vantaggi non terminano qui.
Perché con gli pneumatici giusti puoi anche ridurre il rumore dovuto all’attrito sull’asfalto e anche i consumi.

Come puoi riconoscere subito gli pneumatici invernali e in base a quali criteri li devi scegliere?

Le gomme invernali sono individuabili dalla marcatura M+S (Mud+Snow, Fango + Neve) o anche “MS”, “M/S”, “M-S”, “M&S” presente sul fianco dello pneumatico. Non è invece obbligatoria la presenza del pittogramma con le tre montagne con un fiocco di neve (simbolo denominato Snowflake relativo alla normativa richiesta dal mercato USA).

La Direttiva Europea 92/23/CEE riguardante l’utilizzo degli pneumatici invernali, consente l’utilizzo, a parità di misura, di un codice di velocità inferiore a quello omologato sul libretto di circolazione, ma rispettando il codice minimo utilizzabile di Q (160 km/h). Se consideriamo uno pneumatico con sigla 185/55 R15 82T, la lettera T indica appunto il codice di velocità secondo la tabella sottostante:

  • Q = 160 km/h
  • R = 170 km/h
  • S = 180 km/h
  • T = 190 km/h
  • H = 210 km/h
  • V = 240 km/h
  • W = 270 km/h
  • Y = 300 km/h

Nel periodo 15/11 – 15/04 sarà quindi possibile circolare con uno pneumatico (invernale) con codice velocità S (velocità massima 180 Km/h) senza incorrere in sanzioni ma, dal 16 maggio al 14 ottobre (in virtù del mese concesso per gli adeguamenti, ricordato a inizio articolo) è obbligatorio circolare con pneumatici dalle caratteristiche prestazionali di serie, pena una sanzione da 419 a 1682€ per circolazione su un veicolo modificato rispetto a quanto indicato sul libretto.

ll nostro consiglio:

Ti consigliamo di procedere tempestivamente alla sostituzione degli pneumatici e o, eventualmente, di dotati di un set di gomme 4 stagioni valido per tutto l’anno.

Se non hai ancora effettuato il cambio gomme per l’inverno 2019-2020 prenota un “pit stop” da noi.

Chiamaci al 0932 922676!

Garanzia Assicurativa Gratuita

La garanzia assicurativa, gratuita e valida per un anno dalla data d’acquisto, ti garantisce la sostituzione del pneumatico danneggiato in modo irreparabile in seguito a danno accidentale o atto vandalico con un pneumatico nuovo dello stesso modello.

Regolamento della garanzia assicurativa:

  • La durata della garanzia decorre dalla data di montaggio che si evince dallo scontrino fiscale, è valida per i successivi 12 mesi e non è rinnovabile.
  • La garanzia è applicabile esclusivamente per danni agli pneumatici derivanti da tutti i difetti di fabbricazione e da urti accidentali.
  • La garanzia non è applicabile per guasti e danneggiamenti derivanti da rapida usura o usura irregolare (corpi estranei come catene antineve, chiodi o bulloni, ghiaietto negli incavi; contatto prolungato con oli, idrocarburi in genere o solventi acidi; furto, incendio e atti vandalici; guasti derivanti da incidenti stradali o calamità naturali; “marcia a piatto”.)